Indietro

Incendio Serra, colletta in tutta la Diocesi

L’iniziativa, che sarà seguita dalla Caritas diocesana, è stata promossa direttamente dall’arcivescovo di Pisa Giovanni Paolo Benotto

PISA — Una colletta speciale per le famiglie colpite dall’incendio che nei giorni scorsi ha colpito Monti Pisani. La Chiesa pisana si attiva per esprimere vicinanza a tutti coloro che hanno subito le conseguenze delle fiamme: in tutte le Chiese della Diocesi domenica 7 ottobre saranno raccolte offerte quale segno di solidarietà e sostegno da parte della comunità cristiana a tutti coloro che, passata la paura, devono rimettersi in piedi e fare i conti con danni ambientali ed economici di dimensioni incalcolabili.

L’iniziativa è stata promossa direttamente dall’arcivescovo Giovanni Paolo Benotto che, ieri, ha preso carta e penna e inviato una comunicazione a tutte le parrocchie della Diocesi: “Nella settimana che sta per finire siamo stati tutti testimoni dello scempio provocato dall’incendio che ha distrutto boschi, uliveti e case nella Valgraziosa di Calci e sui monti che fanno da cornice ai paesi del Lungomonte pisano nel comune di Vicopisano – scrive Benotto -: una catastrofe provocata sicuramente dall’uomo e che ha azzerato il lavoro di olivo cultura di tante famiglie, provocando danni incalcolabili al patrimonio naturale dei Monti pisani. Nel momento dell’emergenza – prosegue Benotto - soprattutto a Calci, la parrocchia, insieme a diverse famiglie, ha spalancato le sue porte, mettendo a disposizione di chi era stato costretto a scappare dalla propria abitazione a causa del fuoco, spazi di accoglienza; ora si tratta di intervenire per dare una mano a chi in questa tragedia ha perso la casa e il frutto del proprio lavoro”.

Da qui la proposta: “Sappiamo che i problemi creati da questo incendio chiedono provvedimenti straordinari che solo lo Stato può mettere in atto; però è importante che la comunità cristiana offra comunque un segno di fraterna carità a chi, improvvisamente, è stato privato dei suoi punti di riferimento essenziali, quali sono la casa e il lavoro. Per questo ritengo opportuno che domenica 7 ottobre, nelle nostre parrocchie, si svolga una colletta speciale per venire incontro a chi è stato colpito da questo immane rogo. Chiedo che le offerte raccolte vengano inviate alla Caritas diocesana che, come quando ci fu lo straripamento del Serchio a Nodica nel Natale di qualche anno fa, possa offrire un segno di fraternità a quanti sono stati più duramente colpiti. Ringraziando in anticipo quanti contribuiranno con la loro offerta, su tutti invoco la benedizione del Signore”.

“Sarà fondamentale il coordinamento – spiega il direttore della Caritas Diocesana don Emanuele Morelli -: dunque ogni iniziativa che metteremo in piedi nelle prossime settimane sarà presa sempre in coordinamento e in accordo con gli enti, con la Regione e con tutti gli altri soggetti coinvolti o impegnati, a vario titolo, nella cosiddetta post-emergenza”.

Tutti coloro che vogliono sostenere l’iniziativa promossa dalla Diocesi di Pisa possono utilizzare il ccp 11989563 intestato a Caritas Diocesana di Pisa (Piazza Arcivescovado, 189 – 56126 Pisa). Iban IT86L0103014010000000390954 intestato a Arcidiocesi di Pisa Caritas Diocesana (specificare nella causale “Incendio Monti Pisani”).

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6559785 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6559785
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it