Indietro

Serfogli: "Al primo posto metto il lavoro"

Andrea Serfogli

Il candidato sindaco del centrosinistra ha reso noti quali saranno i suoi primi provvedimenti, qualora sarà eletto primo cittadino

PISA — Clausola di salvaguardia e salario minimo per i dipendenti delle aziende che si aggiudicheranno appalti pubblici per servizi e manutenzioni e regole più chiare e maggiori tutele per i corrieri che lavorano in città. Questi i primi porvvedimenti che prenderà Andrea Serfogli se sarà eletto sindaco, nel ballottaggio di domenica 24 contro il candidato del centrodestra Michele Conti.

"Il primo provvedimento che da sindaco chiederò di prendere alla giunta - ha puntualizzato il candidato del centrosinistra - sarà quello di concordare, con tutti gli enti pubblici cittadini, che nelle gare di appalto per servizi e manutenzioni venga inserita una norma che impegni o comunque premi le aziende che si impegnano a pagare i dipendenti di più basso livello non meno di 10 euro l’ora. Penso ad esempio ad attività come pulizie, guardianìe, multiservizio, cooperative di servizio: solo a Pisa le persone impegnate in questo àmbito sono diverse migliaia e assicurare loro un salario minimo garantito mi sembra una norma di civiltà e di dignità". 

"Accanto a questo - ha aggiunto Serfogli -, rinnoviamo l'impegno nella lotta alla precarietà e a favore delle stabilizzazioni. In questa direzione andranno le scelte riferibili alle aziende partecipate dal Comune e ogni gara per servizi includerà la clausola di salvaguardia per i dipendenti delle aziende uscenti. Impegno quotidiano sarà poi messo contro la precarizzazione dei lavoratori aeroportuali e a favore della stabilizzazione dei ricercatori precari del Cnr".

L'altra proposta riguarda invece la logistica delle merci e il lavoro dei corrieri. "Vogliamo regole più precise per l’accesso alla nostra città nella consegna delle merci - ha detto in proposito -, così come vogliamo che chi lavora a questo servizio sia maggiormente tutelato. Anche in questo caso si tratta di un settore che vede coinvolti moltissimi lavoratori. Un settore che risulta essere fortemente in crescita e che necessita di un intervento per mettere gli operatori nelle condizioni migliori per lavorare in sicurezza e con salari e incombenze adeguate".

"Sul tema dela lavoro - ha consluso Serfogli - c’è una differenza culturale profonda tra noi e la destra leghista: noi non solo vogliamo difendere il lavoro, ma vogliamo creare nuova occupazione tutelata e retribuita in modo dignitoso".

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it