Indietro

Pieroni, "una candidatura sostenuta dai territori"

Turismo, tutela dell'ambiente, opere pubbliche, interventi sulla sicurezza del territorio e lavoro tra i punti salienti del suo programma politico

PISA — Consegnate le firme a sostegno della sua candidatura, però, il candidato del Pd alla carica di consigliere regionale Andrea Pieroni, espressione del comitato Pisa per la Toscana ed ex presidente della Provincia, ha voluto ufficializzare la candidatura e ricordare alcuni dei temi a lui cari, dei quali si trova a parlare nei numerosi incontri che sta tenendo in tutti i territori della provincia di Pisa.

"Una provincia che amo – ha detto - che è fatta di peculiarità legate ma ben distinte. Una provincia che nella mia esperienza amministrativa ho visitato spesso e in dettaglio. Ho conosciuto molte persone e anche molte situazioni: con loro abbiamo risolto delle criticità e valorizzato potenzialità. Ma c'è ancora da fare, anche perché questi sono tempi duri, nei quali è necessario
lavorare in sinergia". 

Con Pieroni, a presentare la sua candidatura, c'erano sindaci e amministratori del territorio, "segno – hanno spiegato – che questa è una candidatura voluta dal territorio o, meglio, dai territori che negli anni hanno trovato in Pieroni un interlocutore serio, responsabile, laborioso, che ha voluto toccare con mano limiti e potenzialità e fatto il possibile per limitare i primi e sviluppare le seconde".

"Sono convinto – ha aggiunto Pieroni – che l'esperienza della Provincia sia stata un osservatorio privilegiato del territorio: so con chiarezza quali sono le competenze ed esigenze reali dei territori, come la tutela del patrimonio ambientale e dell'agricoltura che stanno andando in carico alla Regione. Ci sono interventi per la sicurezza del territorio da completare e altri da proseguire: penso allo Scolmatore, per cui è stato finanziato il primo lotto dei lavori, ma altri due non hanno ancora trovato un finanziamento. Ma non c'è solo il bacino dell'Arno: ci sono anche gli argini del Serchio da rinforzare e le casse d'espansione dell'Era da realizzare e, poi c'è il Cecina, nella zona di Saline. Credo che conoscere i meccanismi di gestione sia un vantaggio per non perdere competenze importanti, anche riguardo a lavoro e formazione, un'altra competenza che era della provincia".

Quando si parla di lavoro, Pieroni pensa ai giovani e a un progetto di formazione che integri scuola e impresa "come abbiamo fatto al Cattaneo di San Miniato o al Matteotti di Pisa e servono corsi capaci di formare artigiani, come quelli dell'alabastro a Volterra". 

Ma pensa anche ai 40enni ancora in
cerca di un'occupazione
, alle
grandi aziende, all'innovazione e alla ricerca: parole chiave di uno sviluppo che punti alle eccellenze e di imprese che possano dirsi competitive. "Come devono esserlo -dice Pieroni- quelle che ruotano intorno al turismo".

"Per tutto questo -aggiunge- c'è bisogno di infrastrutture: non si può prescindere dal potenziamento della linea ferroviaria Pisa-Firenze e della viabilità nord-est di Pisa, come è necessario l'adeguamento delle 439 e 68 in Valdicecina. Anche le aree lontane dai principali centri hanno bisogno di servizi, che è necessario garantire per evitare la desertificazione e l'abbandono dei territori, che insieme fanno bella questa provincia, che non sarebbe così bella se non fosse abitata".

"Non si può fare tutto e farlo subito – chiarisce Pieroni – ma bisogna avere chiara in mente la situazione per agire in una direzione che sia utile ai cittadini, all'economia e al territorio tutto".

A sostenere la candidatura di Andrea Pieroni sono intervenuti amministratori e
consiglieri del territorio: Ylenia Zambito, assessore al comune di Pisa,
Gabriele Toti, sindaco di Castelfranco di sotto, Marco Gherardini, sindaco di
Palaia, Thomas D’Addona, sindaco di Crespina Lorenzana, Fabrizio Gallerini,
vicesindaco di Ponsacco, Stefania Giorgi e Fabiano Martinelli, consiglieri
comunali a San Giuliano Terme e Alessio Silvestri, consigliere comunale a Santa
Croce sull’Arno.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it