Indietro

Case, se non ci sono soldi, c'è la solidarietà

Le due Amministrazioni riprendono l'iniziativa dell'Auser: far incontrare chi vive nell'emergenza abitativa per far nascere nuove sinergie

VICOPISANO E CALCI — Se non ci sono i soldi, ci sarà la solidarietà reciproca”. E' questo il principio che sta alla base dell'iniziativa ripresa dai Comuni di Vicopisano e Calci per aiutare gli anziani nell'emergenza abitativa: “A seguito delle trasformazioni demografiche economiche e sociali in corso – scrivono le due Amministrazioni - tante sono le persone che vivono in case sovradimensionate per le loro esigenze di vita e possibilità gestionali, mentre dall’altro è in continua crescita, a causa della crisi, il numero di soggetti a rischio di povertà intermittenti, marginalità sociale, economicamente impossibilitati ad accedere al diritto alla casa. Perché non sostituire i tradizionali accordi di natura economica con forme di coabitazioni fondate sui valori e sulla pratica della solidarietà e della mutualità?”.

Giovedì 21 maggio, alle 18 nei locali della Spes di Uliveto Terme, in via XX Settembre 24, l’assessore alle politiche sociali del Comune di Vicopisano, Valentina Bertini, il pari grado del Comune di Calci, Valentina Ricotta, Gabriele Danesi, coordinatore del progetto e rappresentanti delle associazioni aderenti, presenteranno “Abitare Solidale, dalla casa la comunità per la comunità”.

Un bene prezioso ed essenziale come la casa può divenire un problema sia per chi non è in grado di acquistarne o affittarne una a causa della crisi attuale, ma anche per quanti (anziani soprattutto) pur vivendo in un appartamento di proprietà o in locazione, non sono più in grado di gestirne i costi di manutenzione.

Come una delle risposte possibili alla molteplicità di bisogni legati al tema abitativo, i Comuni di Calci e di Vicopisano hanno deciso di sostenere sul proprio territorio il progetto “Abitare solidale”, ideato e promosso a livello nazionale dall’Associazione Auser Volontariato Abitare Solidale.

Abitare Solidale, lanciato nel 2009 nel solo territorio fiorentino e oggi servizio diffuso a livello regionale e nazionale, nasce per trasformare il problema abitativo in nuove opportunità per una comunità più unita, mediante l’attivazione di coabitazione gratuite fondate sui principi del mutuo aiuto e della reciproca solidarietà.

Come fare e recapiti - Principio base è la costruzione di relazioni interpersonali forti, responsabili, solidali che concorrano, attraverso la condivisione consapevole di uno stesso spazio abitativo, al rafforzamento di innovativi sistemi di protezione sociale. Per raggiungere tali risultati Abitare Solidale si è dotato di procedure e strumenti semplici e chiari e di un iter che prevede quattro fasi: segnalazioni, creazione dell’identikit (per valutare eventuali affinità tra tutti i candidati e creare possibili connessioni), incontri tra candidati e ufficializzazione della coabitazione e monitoraggio costante.

Per informazioni: Sportello Abitare Solidale Casa Valdera, 331/7162231 dal lunedì al giovedì dalle 10 alle 12 e abitaresolidale.casavaldera@gmail.com; Caritas Vicopisano 340/4145332, martedì e venerdì dalle 18 alle 19; Misericordia di Vicopisano 050/798368, da lunedì al venerdì dalle 9 alle 19; Sezione Soci Unicoop Vicopisano 050/778117, lunedì e giovedì dalle 16 alle 19; Numero Verde 800.99.59.88 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12, www.abitaresolidaleauser.it.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it