Indietro

Sporcizia e pesca abusiva nel lago della Lipu

Durante i consueti controlli di monitoraggio sulla fauna selvatica dell’area protetta di Santa Luce sono state scoperte zone di pesca abusiva

SANTA LUCE — Negli otto punti individuati, sono stati trovati alberi e arbusti tagliati per creare appostamenti di pesca e molti rifiuti, prontamente rimossi dai volontari della Lipu, come lenze, ami, galleggianti, plastica, bottiglie, lattine, reti in metallo, reti da pesca, materassi, teli, indumenti, scarpe.

Nella riserva vige il divieto di pesca integrale istituito dalla Provincia di Pisa nel 2013.

"Oltre ad essere in presenza di una violazione normativa, siamo anche di fronte ad un costante inquinamento ambientale e provocato danno alla fauna selvatica della riserva, soprattutto su pesci e uccelli acquatici, che possono trovarsi imbrigliati nelle lenze oppure ingerire ami e plastica, provocandone la morte", spiegano dalla Lega italiana protezione uccelli.

"In questi anni diversi esemplari di airone cenerino, svasso maggiore, cormorano e gabbiano reale sono stati trovati in tali situazioni, soccorsi e salvati dalla Lipu nel Centro di recupero Uccelli Marini e Acquatici di Livorno".

La situazione è stata segnalata e denunciata ai Carabinieri Forestali di Riparbella e alle GAV della zona, che hanno già effettuato il primo intervento sanzionatorio con sequestro, in una delle zone individuate.


"L’unico appoggio che permette all’associazione di essere ancora presente sul territorio, con tutti i sui servizi di accoglienza visitatori, manutenzione strutture, recupero fauna, educazione ambientale, monitoraggio ambientale, presidio di tutela e conservazione, è offerto dalla Società Solvay, con un accordo firmato, che ne regola accesso e gestione per quanto riguarda le attività sopraccitate, in relazione alle norme sulla sicurezza", spiega ancora la Lipu.

"Facciamo un appello alla Regione Toscana affinché questa e tutte le altre riserve, la cui gestione ricade nelle proprie competenze, siano valorizzate, protette e conosciute, perchè beni indisponibili dei cittadini e quindi dello Stato".

Fotogallery

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it