Indietro

"Aprire i lungarni per risollevare l'economia"

La proposta di Confcommercio: consentire l'accesso in centro al traffico veicolare anche nei mesi estivi. L'appello all'Amministrazione comunale

PISA — Fatturati in calo, locali e ristoranti in difficoltà. Non è quaquadro rassicurante quello presentato dalla Confcommercio. A parlare è il direttore dell'associazione di categoria, Federico Pieragnoli, che si fa portavoce dei piccoli imprenditori del centro: “Confcommercio chiede all'amministrazione comunale un gesto di grande disponibilità e collaborazione, invitandola ad approvare un provvedimento di riapertura dei Lungarni, che consenta a locali e ristoranti della città di rifiatare e superare così un momento economico difficile”.

La richiesta del direttore ha i caratteri dell'urgenza: “Si tratta di un provvedimento che occorre subito, la cui urgenza non è più rinviabile, visto che l'obiettivo è quello di far rimanere in piedi questi imprenditori, che hanno investito e continuano ad investire in centro storico, offrendo a cittadini, turisti e visitatori un servizio gradito e altamente qualificato. Già penalizzati da un'alta tassazione e dall'applicazione di norme estremamente rigide, sottoposti alla concorrenza sleale di sagre, feste paesane e di partito che esplodono un po ovunque nei dintorni, la chiusura dei Lungarni è una ulteriore e grave penalizzazione per queste attività e per i loro clienti”.

La città è tutt'altro che morta- prosegue nel ragionamento Pieragnoli - pubblici esercizi e ristoranti garantiscono la continuità del servizio anche d'agosto, ma se non si fanno arrivare i clienti in centro, tutti questi sforzi restano completamente inutili. E poi, non dimentichiamocelo mai, la desertificazione favorisce degrado, insicurezza micro-criminalità, mentre l'afflusso di gente e la presenza di locali aperti sono naturali presidi di legalità”.

“L'ostacolo può essere rimosso – questa la conclusione – basta la buona volontà dell'amministrazione comunale ad accogliere la richiesta di aiuto di queste imprese, la cui sopravvivenza è un beneficio per tutta intera la città”.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6559785 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6559785
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it