Indietro

Catturati i rapinatori seriali della stazione

Lo stabile abbandonato dimora dei due rapinatori

Operazione congiunta della Polfer di Pisa e della Squadra Volante della Questura, manette per due tunisini autori di rapine e furti

PISA — Polfer e Volanti hanno sottoposto a fermo due pericolosi criminali tunisini, di 34 e 27 anni, autori di una tentata rapina e di numerosi furti aggravati commessi nelle ultime settimane in stazione e in città. 

L’operazione di ricerca dei malviventi ha richiesto diversi giorni, durante i quali la Polizia, sulle tracce dei due, ha dovuto scandagliare a fondo, con controlli a tappeto, la vasta area dismessa adiacente al binario 13, ritenuta dagli investigatori il possibile nascondiglio.

Tutto nasce dalla denuncia di una pendolare che, ieri mattina, è stata vittima di un furto del suo Smartphone. Erano le 5.40 circa quando, ormai salita a bordo del treno per Roma, è stata raggiunta da uno dei due criminali che le ha violentemente strappato di mano il suo dispositivo ed è fuggito

La vittima ha tentato di inseguire il suo scippatore ma ha desistito dopo alcuni metri. La fuga è stata integralmente ripresa dal circuito di videosorveglianza della stazione consentendo alla Polfer di riconoscere entrambi i criminali.

Uno dei due era già stato riconosciuto dagli agenti per una tentata rapina ai danni di un’anziana signora nella medesima area ferroviaria – fermata Pisamover uscita San Giusto – una settimana prima, sempre nelle prime ore della giornata. Nella circostanza la signora era caduta a terra e lo scippatore era fuggito.

Nello stesso tempo la squadra volante della questura di Pisa era sulle tracce dei due nordafricani per altri tre furti aggravati commessi nell’area commerciale di piazza della Stazione.

La sinergia tra Polfer e Volanti ha permesso la cattura dei due, che sono stati scovati all’interno dell’area dismessa adiacente al binario 13, dove avevano attrezzato a dimora di fortuna parte di un ufficio abbandonato, che utilizzavano anche come base operativa.

Infatti, all’interno del covo, sono stati rinvenuti anche gli abiti con cui sono stati commessi i furti e alcuni documenti di identità sottratti alle vittime.

Il P.M. di turno ha disposto il trasferimento dei due fermati presso la Casa Circondariale Don Bosco, in attesa della convalida del fermo.

Fotogallery

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it