Indietro

Peretola, "allungamento inaccettabile"

La relazione di Filippeschi e l'invito a Rossi: "venga in Consiglio". Tra i temi affrontati, i lavori al Museo delle Sinopie, i 60 dipendenti della ex Copisa

PISA — Una commissione del consiglio comunale che si occupi subito della proroga dei lavori per il Museo delle Sinopie. L'hanno chiesta, nel consiglio comunale di oggi 25 settembre, i consiglieri comunali Giovanni Garzella (Fi-Pdl), Raffaele Latrofa (Ncd) e Valeria Antoni (M5S).

La consigliera Antoni, poi, ha chiesto che l’amministrazione incontri subito gli operatori della piazza, il consigliere Latrofa che venga investita la Commissione Urbanistica, il consigliere Garzella ha manifestato grande preoccupazione per tutti gli operatori di piazza Manin.

L'assessore Davide Gay ha spiegato che “i lavori al muro del Museo delle Sinopie sono stati prorogato di altri 4 mesi".

Durante il consiglio comunale di oggi, il sindaco Filippeschi ha relazionato sulla vicenda aeroporto, rispondendo a un question time del consigliere Latrofa. “'La decisione annunciata da Enac - secondo il sindaco – è immotivata e inaccettabile. La prossima settimana incontrerò il presidente Rossi, ho inoltre sollecitato i garanti ad attivare il percorso per un dibattito pubblico regionale e, infine, ho chiesto ad Enac la documentazione che giustificherebbe questa decisione annunciata”.

Latrofa ha allora chiesto che il governatore Rossi venga in Consiglio “a spiegare, guardando i consiglieri negli occhi, lo sviluppo aereoportuale toscano”. A questa richiesta si sono uniti anche i consiglieri Antoni e Garzella. 

Tra gli interventi, quello del consigliere Armando Paolicchi (SEL) che ha ricordato che “i circa 60 lavoratori della ex Copisa stanno subendo una riduzione dell’orario di lavoro e dello stipendio”.

Il Consiglio è poi proseguito con un question time del consigliere Gianfranco Mannini (M5S) sulla questione dell’obbligo scolastico per gli alunni disabili, che, dice l’esponente grillino, "verrebbe negato perché le ore di sostegno sono state drasticamente ridotte”.

“Il Comune di Pisa – gli ha risposto l’assessore Marilù Chiofalo – ha aumentato, per la parte di assistenza specialistica di propria competenza le risorse del 20 per cento dando 100mila euro su 500mila già stanziati e inviato per scritto una richiesta di attenzione sul tema alla Presidenza del Consigli dei Ministri”.

Successivamente, per iniziativa del consigliere Garzella, il Consiglio è poi passato alla vicenda della mobilitazione della Casa della Donna al processo contro Andrea Buscemi, attore pisano, in programma per domani, 26 settembre.

“Le questioni giudiziarie - gli ha risposto l’assessore Marilù Chiofalo – devono essere affrontate nelle sedi opportune. Nessuno deve tirare i giudici per la toga. D’altra parte, i personaggi pubblici, uomini e donne, devono essere un modello per tutti, rappresentando con il proprio esempio gli uomini e le donne per il loro valore e non secondo stereotipi. Il nostro compito è di rafforzare gli strumenti di contrasto alla violenza di genere”.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it