Indietro

Zippel:"Il civismo per rilanciare Pisa"

Maria Chiara Zippel, supportata da cinque liste, è una candidata civica che ha scelto di impegnarsi in prima persona per il "Bene di Pisa"

PISA — Avvocato di 45 anni e quattro figli. Nessuna esperienza politica di rilievo alle spalle, ma tanta voglia di fare per "Il Bene di Pisa". Sarà supportata da cinque liste: La Nostra Pisa, Combatti per Pisa, Pisani per Pisa, Pisa libera e sicura, Battiti per Pisa.

Cominciamo proprio da qui. Perchè ha deciso di scendere in campo nella competizione elettorale?

"Ho studiato e lavorato a Pisa, ho quattro figli e amo profondamente la città. Vederla ridotta in questo stato mi ha fatto impegnare in prima persona. La scelta civica viene di conseguenza, visto che i partiti ci hanno fatto vedere di non essere in grado di dare una svolta ad una città. Abbiamo 138 candidati nelle liste e nessuno ha tessere di partito. Siamo liberi insomma."

Quello che ha fatto Filippeschi è tutto da buttare?

"No, ci sono cose positive che sono state fatte, come i Navicelli, cose fatte in maniera sbagliata e da terminare e cose che non sono state fatte e mancano completamente. Vede, noi siamo per una Pisa verde, dedicata alle famiglie, ai turisti. Ci sono tanti progetti nati da una coesione di idee, da cittadini che veramente vivono il territorio. 

Cosa vorrebbe fare se diventasse sindaco?

"Le scuole prima di tutto, la loro manutenzione, la viabilità da cambiare con la realizzazione di silos parcheggi e più piste ciclabili, lo spegnimento della Ztl dalle sette e mezzo di sera sino al mattino successivo, l'istituzione di un assessorato per i diversamente abili, l'aiuto per i ragazzi omosessuali. Una mappatura degli anziani in difficoltà, dando loro sostegno con l'alternanza scuola lavoro e affidando anche animali da compagnia, ovviamente con una compartecipazione sulle spese. E poi una grande mano alle famiglie e alle imprese del territorio, soprattutto del commercio, abbassando i costi dei parcheggi e istituendone di gratuiti."

Non ha parlato della sicurezza

"Un sindaco è il capo della Polizia Municipale. Gli agenti devono essere più presenti in giro sul territorio, fare il terzo turno notturno, assumere nuove unità e avere più pattuglie. In più parlare con prefetto e questore per riuscire a lavorare insieme e fare un nuovo piano per la sicurezza. Ad esempio Pisa dovrebbe avere l'esercito in strada anche la notte. Maggiore illuminazione e una attività culturale che faccia riprendere gli spazi cittadini."

Ci sono anche idee particolari?

"Una è il taxi rosa, un servizio scontatissimo per le donne alla sera garantendo sicurezza e l'altra è Gli angeli della notte, un servizio che farebbe portare a casa i giovani magari dopo una serata sopra le righe, evitando incidenti e pericoli. Sullo sport poi crediamo in una vera e propria città dello sport, coinvolgendo maggiormente le associazioni e i bambini. Sull'ambiente abbiamo un progetto innovativo per mettere verde dalle Piagge a Riglione, con la piantumazione di alberi che abbattono le polveri sottili. Sul litorale abbiamo pronto uno studio per fare rigenerare la sabbia".

Obiettivi?

"Andiamo al ballottaggio e poi vediamo".


Alessandro Turini
© Riproduzione riservata

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it