Indietro

I marinesi dicono no alle striscie blu

Secondo Noi adesso Pisa il litorale ha ancora molti problemi non risolti alla vigilia dell'inizio della stagione estiva

PISA — "Voglio andare al mare" cantava Vasco Rossi nel 1981 e così vorranno fare migliaia di pisani e non nei prossimi mesi visto che siamo alle porte della stagione estiva, ma ancora molti problemi investono il nostro litorale sentendo Maurizio Nerini del comitato litorale di Noi adesso Pisa: "Il fallimento della politica dell’amministrazione sul Litorale è stato palesato in questi ultimi giorni quando la cittadinanza si è dichiarata contro l’ipotesi degli stalli blu a Marina.

A fronte di un progetto tirato via da Pisamo, che macinava insieme viabilità, parcheggi, manutenzioni volanti e sosta camper, non esite un piano strutturato da parte dell’amministrazione: l’assessore Gay dice che prenderà provvedimenti in giunta “alla fine del processo partecipativo”.

Ebbene molte risposte ci sono già state, la commissione dedicata del Ctp1 si è espressa negativamente e nell’ultimo consiglio le poche voci fuori dal coro appartengono ad una maggioranza che dice sì solo per appartenenza politica o perché sbandiera posizioni ecologiste che davvero non reggono, non si può oggi arginare un flusso di auto senza un vero piano della mobilità che se c’è con il porto è stato stravolto.

Non c’è un piano di opere pubbliche e non esiste un piano delle manutenzioni ….questa è la verità e non regge l’dea di fare gli stalli blu per recuperare soldi per la manutenzione stradale!

Non ha ricevuto risposta ad oggi anche la domanda sul perché non sia stata aperta la nuova strada prevista e rientrante nel progetto Porto, sui terreni ex-Gea e che faciliterebbe lo scorrimento delle auto senza intasare via Maiorca, dando anche molto spazio per nuovi parcheggi, ma evidentemente è scomodo parlarne.

I problemi con l’area provvisoria da 4 anni per il parcheggio camper, dove non si da la possibilità di far un vero parcheggio scambiatore con i servizi, derivano invece da un problema ancora più pressante che il rapporto con il Parco: per i territori antropizzati a sud dell’Arno il Parco è contro la vita e la libertà delle persone perché, fatte salve alcune zone da tutelare e proteggere assolutamente, per il resto blocca e inibisce qualsiasi attività, costringendo gli abitanti a vivere segregati da regolamenti e leggiucole che non hanno più ragione di esistere anche alla luce del disimpegno del Parco in alcune altre realtà negative quali ad esempio il campo abusivo della Bigattiera.

L’estate è alle porte e i problemi sono sempre gli stessi: Spazio Viviani, il distributore che manca, l’antenna da spostare , il cantiere del ghiaie che sta per partire mentre non si pensa ancora a spianare quelle che ci sono, strade e marciapiedi da terzo mondo…ma ci possiamo consolare con la Bandiera Blu… al solito consegnata su di bagno privato".

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it